Biblioteche, Comune Livorno, Livorno, catalogo, Sebina, biblioteche, catalogo biblioteca, ebook, digitale, prestito, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, leggere, opac, sebinayou.

sabato

23

ottobre

Appunti di spettacolo

Appunti di spettacolo

Appunti di spettacolo è la rubrica proposta dalla Biblioteca Labronica di Villa Maria, centro di documentazione sulle arti dello spettacolo, dedicata a brevi focus monografici a cadenza settimanale su registi, attori e danzatori. La rubrica  propone una bibliografia sulla base dei materiali digitali disponibili sulle piattaforme gratuite di Medialibrary e Raiplay, oltre a indicazioni dal posseduto della biblioteca.

Quest'anno ricorrono i 100 anni dalla nascita del grande regista FEDERICO FELLINI.

Nato a Rimini il 20 gennaio 1920 è scomparso a Roma nel 1993.

Sceneggiatore, regista, scrittore e disegnatore umoristico, è uno dei capisaldi della cinematografia italiana, premiato con cinque Premi Oscar. Ha raccontato il suo lavoro in più occasioni, tra documentari e libri, in prima persona e intervistato da altri registi, giornalisti e scrittori.

In attesa di poter consultare, presso le sedi della Labronica, la vasta bibliografia disponibile, vi proponiamo due interessanti documentari nei quali il regista riminese si racconta e si mostra sul set.

 

FELLINI: SONO UN GRAN BUGIARDO

Realizzato nel 2002 da Damian Pettigrew, è basato sulle ultime confessioni di Fellini e vede la partecipazione di alcuni degli attori protagonisti dei suoi film come Roberto Benigni, Terence Stamp e Donald Sutherland

- dove lo trovi? sulla piattaforma Medialibrary

https://toscana.medialibrary.it/media/scheda.aspx?id=550569088

 

BLOCK-NOTES DI UN REGISTA

Realizzato nel 1969 dallo stesso Fellini per la televisione, racconta come nasce un film, dal soggetto al lavoro sul set con attori e maestranze

- dove lo trovi? sulla piattaforma di Raiplay

https://www.raiplay.it/programmi/block-notesdiunregista

 

«La verità è che non so teorizzare i miei tic, non riesco a riconoscere

un sistema nei vari rituali che accompagnano il mio lavoro;

e poi ogni film è diverso dall'altro, ognuno ha un suo carattere, un suo temperamento,

e quindi un suo modo di stabilire un rapporto con te:

alcuni si presentano con una discrezione delicatissima, esitante,

ma la loro capacità di coinvolgimento è la più insidiosa perchè inavvertita.

Altri vogliono sorprenderti, si manifestano con l'esuberanza di certi compagni

che per gioco si travestono per non essere ricosciuti;

altri ancora hanno un approccio sguaiato, la loro vitalità è violenta, contagiosa, esaltata; ce ne sono poi alcuni con i quali il rapporto subito si configura nelle mene pericolose e affaticanti dello scontro, sono quelli che ti possiedono senza rimedio, perchè lì l'intesa,

affondata chissà dove, è incontrollabile, indiscutibile»

Fellini da “Fare un film”, 1980, Ed. Einaudi.

[dove lo trovi: nelle biblioteche di Villa Maria, Bottini dell'Olio, Stenone]

 

“Amarcord”, “La dolce vita”, “8 e ½”, sono i film che hanno reso immortale Federico Fellini.

La sua filmografia è composta da 24 film, e da 28 sceneggiature tra le quali sono da annoverare  “Roma città aperta” e “Paisà”, scritte come collaboratore di Roberto Rossellini.

In attesa di poter accedere ai materiali della Biblioteca Labronica di Villa Maria - centro di documentazione sulle arti dello spettacolo, ecco i film di Fellini che è possibile vedere a casa dalla piattaforma di Raiplay:

 

IL BIDONE, 1955

Definito il meno felliniano tra i suoi film, racconta le disavventure di tre uomini di mezza età, Augusto, Roberto e “Picasso” che vivono di truffe compiute ai danni della povera gente.

https://www.raiplay.it/programmi/ilbidone

 

PROVA D'ORCHESTRA, 1979

Un'orchestra si appresta a iniziare le prove per il concerto, ma quando arriva il direttore si scatenano proteste e rivendicazioni sindacali. Lina Wertmuller lo ha definito “il film più politico” realizzato in Italia da sessant'anni. Senza trama e dialogo, è sorto dalle interviste fatte ai musicisti per indagare i loro strumenti.

https://www.raiplay.it/programmi/provadorchestra

 

LA CITTÀ DELLE DONNE, 1980

Non è un film femminista ma nemmeno antifemminile. Fellini ha dichiarato in più occasioni di sentirsi inadeguato a parlare del mistero della donna: “qualcuno teme Dio, io la donna”

https://www.raiplay.it/programmi/lacittadelledonne

 

Le notizie sono tratte da: Tutto Fellini, Gremese, edizione del centenario

[Biblioteca Labronica di Villa Maria, coll. RINALDI2 FELL 14]

 

FELLINI E LA PAURA: In questo periodo di pandemia tutti noi abbiamo compreso in maniera indelebile cosa è la paura e in che modo condiziona la nostra vita. Federico Fellini però aveva un'idea molto personale, quasi feticista della paura. Diceva ad esempio: «mi piace avere paura, è un sentimento ghiotto che dà un sottile piacere»; «credo che la paura sia un sentimento sano, indispensabile, per godersi la vita».

Se proviamo ad andare oltre l'immagine tradizionale del cinema di Fellini, costituito da attrici formose e scene clownesche,  è possibile trovare un fil rouge nei suoi film e nella sua poetica: il sogno, l'inconscio, lo spiritismo.

In molte circostanze i protagonisti dei suoi film si ritrovano inspiegabilmente a parlare con fantasmi, o imprigionati all'interno di sogni che poi diventano incubi, ma ci sono due film che più di tutti sono costruiti su questi temi: uno è Giulietta degli Spiriti, del 1965, capolavoro modernissimo per il punto di vista al femminile e per l'uso del colore, in cui la storia ha inizio proprio da una seduta spiritica, che innesca tutta una serie di vicende vere o sognate della protagonista Giulietta Masina. L'altro è Tommy Dammit episodio all'interno del film “Tre passi nel delirio” che Fellini realizza nel 1968. Tratto dal racconto di Edgar Allan Poe “Non scommettere la testa col diavolo” è interpetato da Terence Stamp: un vero e proprio trip senza storia che mette in evidenza la mostruosità del mondo dello spettacolo dal punto di vista di un celebre attore appena arrivato a Roma per ricevere un premio. Infine, tutta l'esistenza del regista riminese è stata accompagnata dal tentativo mai portato a termine di realizzare il film I viaggi di G.Mastorna una reinterpetazione felliniana dell'inferno dantesco.

 

Guarda il video dedicato a Fellini e la paura, letto da Alessio Porquier, direttore artistico del FIPILI Horror Festival, festival della paura tra cinema e letteratura:

https://www.facebook.com/bibliotecalabronicalivorno/videos/1930496150418290

 

Libro consigliato: “Fellini metafisico” di Monica Vincenzi e Luigi Casa, Armando Ed, 2019

link alla pagina fb - https://www.facebook.com/fellinimetafisico

Biblioteca Labronica di Villa Maria [coll:RINALDI2 FELL 12]

 

Visione consigliata:

Wonderland, Federico e gli spiriti,